VISUALIZING THE FUTURE, TUSCIA TECH, CUORI STAMPATI IN 3D, IL MUSEO SENSIBILE

VISUALIZING THE FUTURE 

A Viterbo il workshop Internazionale  “CARDIAC GROWTH & REGENERATION”.

AITA (Associazione Internazionale Tecnologie Avanzate) e il Laboratorio di Cardiologia Molecolare e Cellulare (LCMC) del Dipartimento di Medicina Interna della Università di Roma Tor Vergata diretto dal Prof. Paolo Di Nardo, hanno ideato e promosso un workshop internazionale per “immaginare il futuro” della Medicina Rigenerativa in Cardiologia che si si svolgerà a Viterbo nella prestigiosa sala del Palazzo dei Papi, dal 23 al 25 giugno 2014.I maggiori scienziati a livello mondiale parteciperanno a questo evento; sono già confermate presenze di assoluto rilievo provenienti dai 5 continenti; il confronto sarà decisivo per indicare le vie e gli obiettivi da raggiungere nei prossimi 20 anni.  E’ possibile partecipare al workshop internazionale pagando una quota e registrandosi. CONTINUA SU AITA

TUSCIA TECH

A Tuscania, il 26 giugno 2014, c’è TusciaTech, un seminario-evento delle imprese del settore biotech e dell’innovazione territoriale, promosso da AITA (Associazione Internazionale Tecnologie Avanzate). L’appuntamento è inscritto nell’operazione che ha il suo epicentro a Viterbo con il workshop Internazionale “CARDIAC GROWTH & REGENERATION” che sarà inaugurato, nel pomeriggio del 22 giugno, in un Opening Conference presso una delle prestigiose sale del Campidoglio di Roma Capitale. L’evento permetterà alle varie imprese rivolte verso gli scenari dell’innovazione di confrontarsi e di incontrare alcune istituzioni della ricerca internazionale in campo biotecnologico, protagoniste del workshop di Viterbo. In vista del seminario di Tuscania è previsto il 29 aprile a Viterbo, presso iCult (l’incubatore di imprese culturali di BICLazio) un incontro preliminare di brainstorming , a porte chiuse (per informazioni e adesioni: info@aitaonlus.it). CONTINUA SU AITA

 CUORI STAMPATI IN 3D

Un cuore stampato in 3d salva un bambino. E’ stato realizzato con una stampante 3D che costa circa 2.500 euro, ed ha aiutato un chirurgo di Louisville, nel Kentucky, a salvare la vita di Roland, un bambino di 14 mesi. Roland era nato con una tetralogia di Fallot, una combinazione di quattro malformazioni congenite che comprendevano una trasposizione dei grossi vasi e un buco tra i ventricoli, per i quali rischiava un ritardo nella crescita e un elevato rischio di non sopravvivere. (…) L’intervento è stato eseguito il 10 febbraio ed è il primo caso di cuore stampato in 3D che permette di pianificare un intervento, garantendo un minor numero di incisioni e un tempo più rapido di recupero per il paziente. FONTE Sole24ore

Continua a leggere